Conclusi

A Mente Aperta – 2016
percorso di mantenimento cognitivo per persone con disabilità

Percorso di potenziamento/mantenimento cognitivo rivolto ad adolescenti e giovani adulti con disabilità intellettiva medio lieve organizzato in due moduli: uno a carattere artistico-letterario e uno a carattere scientifico-matematico. Nel corso del progetto i partecipanti hanno fruito di laboratori didattici, interattivi e inclusivi, supportati dall’utilizzo di materiali multimediali condotti dagli psicologi di Area. In parallelo al percorso formativo è stata curata l’elaborazione emotiva e relazionale delle esperienze di apprendimento.
A Mente Aperta è stato realizzato grazie al contributo di Fondazione CRT.


 

Librabile Booktop – 2015/2016
editoria accessibile per l’infanzia come strumento di inclusione

Librabile_Booktop è una nuova articolazione del più ampio progetto Librabile ideato da Area e realizzato tra il 2011 e il 2014. Nella sua innovazione ha rappresentato l’unione sinergica di strumenti ludici ed educativi, tecnologia multimediale ed editoria tradizionale su carta, proponendo a vari livelli l’utilizzo di una metodologia peer to peer.
Il progetto, svolto in collaborazione con la S.I.E.S “A. Spinelli” di Torino e con il patrocinio della Circoscrizione 7, ha proposto l’esposizione sul territorio regionale e nazionale della mostra Vietato Non Sfogliare, l’organizzazione di incontri con autori e illustratori in occasione di eventi a tema letterario, come il Salone Internazionale del Libro di Torino, e la realizzazione di prodotti di comunicazione multimediale (videorecensioni) con protagonisti i bambini delle scuole coinvolte, visionabili e consultabili su Multimedia Videorecensioni.
Nel 2016 il progetto si rivolge a un territorio extra urbano e diviene Librabile Booktop_Extra, con il coinvolgimento della scuola “San Giovanni Bosco” di San Benigno Canavese, le scuole “Gigi Ghirotti”, “Guglielmo da Volpiano”, “Dante Alighieri” e della Biblioteca Civica di Volpiano.
Nei due anni il progetto ha perme
sso di avvicinare migliaia di giovani lettori, le loro famiglie e caregiver, al prezioso strumento dei libri accessibili, e di sensibilizzare i soggetti coinvolti al tema della lettura come diritto di tutti.

Librabile Booktop e Librabile Booktop_Extra sono stati realizzati grazie ai finanziamenti del bando “Stiamo Tutti Bene” promosso dalla Compagnia di San Paolo.

 


DSABoard – 2013/2016
piattaforma online di supporto allo studio per DSA

Il progetto DSABoard, nato grazie al contributo della Fondazione Vodafone Italia, ha dato vita a una piattaforma web per bambini e ragazzi con Disturbo Specifico dell’Apprendimento di età compresa tra i 9 e i 13 anni, che è stata attiva dal 2013 al 2016. La piattaforma prevedeva 3 ambienti principali: uno per i bambini delle elementari, uno per i ragazzi delle scuole medie e uno destinato agli operatori.

DSABoard riuniva in un unico dispositivo gratuito alcuni dei principali strumenti utili per lo studio (calcolatrice, registratore vocale, eserciziari, foglio di calcolo, tavola pitagorica) e gli strumenti compensativi più comuni e utilizzati dai ragazzi con DSA (sintesi vocale, mappe concettuali, traduttore multilingue), al fine di facilitarne i percorsi di apprendimento, e favorire il supporto e il controllo di genitori e insegnanti.


#No Problem DSA – 2014/2015

# NoProblem è un progetto nato in partnership con altre realtà istituzionali su commessa della Regione Piemonte.
Il progetto si colloca tra le azioni di sistema previste dal POR FSE 2007-13 della Regione Piemonte che mirano a creare una forte sensibilizzazione rispetto al principio di non discriminazione. Il progetto ha promosso una serie di attività di sensibilizzazione in ambito formativo, finalizzate a prevenire discriminazioni in situazioni di Disturbi Specifici di Apprendimento. Le iniziative hanno supportato la didattica inclusiva per alunni DSA attraverso una serie di azioni informative, formative e di accompagnamento per docenti del sistema regionale dell’istruzione e della formazione professionale. Il Servizio Mediateca ha partecipato alla co-progettazione e ha condotto 26 seminari di formazione aperti agli insegnanti provenienti da istituti scolastici di tutta la Regione.
Se vuoi far conoscere #No Problem condividi il video del progetto.

Autonoma_Mente – 2013/2014
percorso di autonomia per giovani adulti e adulti con disabilità

Il progetto, finanziato dalla Fondazione Umanamente, si è rivolto a 40 giovani adulti e adulti con disabilità intellettiva tra i 20 e i 40 anni, con la finalità di accompagnare i partecipanti all’acquisizione di autonomie prodromiche all’attuazione di esperienze di vita indipendente.
Nel corso del progetto sono stati attivati laboratori di autonomia finalizzati al miglioramento di competenze in ambiti diversi (dall’uso consapevole di internet ai laboratori di cucina, dalle attività di integrazione sociale alle esperienze concrete di residenzialità temporanea). Tutte le attività hanno previsto un sostegno psicologico per l’intero nucleo familiare, indispensabile per rielaborare emozioni ed esperienze. La ricaduta degli interventi è stata valutata tramite un questionario sulle autonomie rielaborato attraverso i parametri dell’ICF.

Librabile – 2011/2014

Il progetto, ideato da Area onlus, è nato con l’obiettivo di costituire un Osservatorio Permanente sui Libri Accessibili o attenti alle tematiche dell’handicap destinati a un pubblico in età 6-14 anni, per promuovere la diffusione e la conoscenza dei libri accessibili per lettori con bisogni speciali, in particolare con disabilità o difficoltà di apprendimento, e il loro utilizzo attraverso le nuove tecnologie.
I libri accessibili sono strumenti altamente inclusivi, semplici ma efficaci che uniscono codici diversi (per es. testo stampato ad alta leggibilità, Braille) aprendo possibilità di letture senza frontiere; tuttavia, essi sono poco conosciuti e sottoutilizzati nella quotidianità delle famiglie e nella didattica.
Il progetto, nato nel 2011, concerne tre ambiti d’azione principali:

»  un database dedicato ai libri accessibili per bambini e ragazzi, unico in Italia, oggi consultabile online e ricco di recensioni, schede tecniche e contenuti video;
»  la mostra itinerante di libri accessibili Vietato Non Sfogliare , allestita negli anni in diverse occasioni (festival, convegni) e location (musei, scuole, biblioteche), e ancora oggi in viaggio sul territorio nazionale, e in grado di creare occasioni di incontro e di formazione, capaci di dar vita ad esperienze di autentica inclusione per tutti i lettori;
»  laboratori e incontri di formazione sui libri accessibili. Per bambini e ragazzi con letture e attività ispirate ai libri accessibili della mostra, per insegnanti, genitori e operatori, svolti sia in presenza sia a distanza grazie ai contenuti consultabili gratuitamente su Di.To.

Librabile ha ottenuto il sostegno di Compagnia di San Paolo, Regione Piemonte e Fondazione per il Libro la Musica e la Cultura.
vns

Giocabile – 2003/2014

Giocabile nasce dall’esperienza di Area nel campo dell’informatica applicata alla disabilità e si inserisce all’interno delle consulenze didattico-riabilitative per l’individuazione dei “contesti d’uso” delle nuove tecnologie, impiegate come mezzi per promuovere le risorse presenti nella famiglia e nella scuola, e favorire l’apprendimento, la comunicazione e la creatività dei bambini disabili.
Il progetto si articola in attività di pratiche di lavoro al pc, in cui visionare e sperimentare le potenzialità delle tecnologie informatiche, e momenti di riflessione e sostegno psicologico differenziati in base alla tipologia di utenti:

       » Giocabile Individuale e Giocabile Gruppo, percorsi ludico-riabilitativi per minori e disabili con DSA;
       » Giocabile Genitori, percorso esperienziale per genitori;
       » Giocabile L@b, percorso esperienziale e formativo per insegnanti, educatori e operatori.

Nel 2005 Giocabile ha ricevuto il sostegno della Provincia di Torino.


 

Fuori dal Coro – 2013/2014
percorso di canto corale per l’integrazione dei giovani con disabilità

Progetto rivolto a ragazzi con disabilità intellettiva lieve e medio lieve, con l’obiettivo di promuovere l’integrazione tra giovani con e senza disabilità attraverso l’esperienza artistica. Il gruppo-coro (30 ragazzi con disabilità intellettiva, studenti delle scuole superiori e Università di Torino in qualità di volontari) ha dato vita a un’esperienza espressiva dalle forti valenze abilitative, e assunto una dimensione marcatamente inclusiva.
Gli incontri, condotti da Giuseppe Torrente (esperto di tecnica vocale, cantante gospel, jazz e rock) hanno portato alla realizzazione di un concerto finale in occasione della festa del quartiere Lov Vanchiglia. Il concerto è stato replicato a Natale nella Chiesa S. Giulia insieme a un coro professionista (Soul Sweet Singer), dando vita a uno spettacolo emozionante per i partecipanti e per i circa 200 spettatori.

Creativi senza limiti – 2011/2012
comunicare attraverso la fotografia

Progetto di fotografia rivolto a ragazzi e giovani adulti con disabilità intellettiva, e ai loro genitori, realizzato in collaborazione con l’Associazione Nazionale Fotografi TAU Visual e grazie al contributo della Fondazione BNL.
I ragazzi, con la guida di Luca Viola, fotografo professionista volontario dell’Associazione Nazionale Fotografi Tau Visual, hanno potuto sperimentare il valore espressivo del linguaggio fotografico. Gli psicologi di Area hanno fornito il supporto psicologico necessario a facilitare gli scambi relazionali all’interno del gruppo e a rielaborare le esperienze realizzate.
La macchina fotografica si è rivelata come uno strumento capace di dare forma allo sguardo sul mondo dei giovani partecipanti, rivelandone aspetti difficilmente comunicabili con le parole. I genitori, accompagnati dal fotografo Leonardo Schiavone, hanno sperimentato nuove modalità per raccontarsi e conoscere se stessi e i propri figli.
A conclusione del progetto è stata realizzata una mostra di 30 fotografie scelte tra quelle realizzate dai partecipanti. La mostra è stata esposta presso la sede di Area Onlus, ed è stata ospitata dal Festival “I luoghi delle parole” (Chivasso) e da diverse scuole della provincia di Torino.


 

Vocecanto – 2010/2012
laboratorio di canto corale per ragazzi con disabilità

Vocecanto è nato dalla collaborazione tra il Servizio Filo Rosso e il maestro G. Guiot, musicista attivo a Torino nel campo della didattica musicale e della coralità. Il laboratorio, rivolto a ragazzi con disabilità animati da una particolare passione per la musica e il canto, si è articolato in momenti ludici, giochi ed esercizi con semplici strumenti musicali per i ragazzi, e in un parallelo percorso di accompagnamento psicologico aperto anche alle famiglie. L’esperienza con nuovi linguaggi espressivi, e il forte carattere aggregativo del lavoro in gruppo, hanno permesso ai ragazzi di sperimentare e potenziare le loro capacità di comunicazione e di relazione, e di mettersi alla prova in un concerto finale di fronte a compagni, insegnanti e familiari, per una volta spettatori.
Vocecanto è stato realizzato grazie al contribuito di Fondazione CRT, e alla collaborazione del Primo Liceo Artistico (Torino), del Liceo Russell (Torino), del Liceo Newton (Chivasso), del CISS di Chivasso, del Centro Diurno Sfere e della Coop. Valdocco.


 

Il Principe felice – 2009
percorso di teatro per genitori di ragazzi con disabilità

Il progetto nasce dall’incontro di alcuni genitori di ragazzi con disabilità e il Servizio Filo Rosso, che ha riconosciuto il loro desiderio di affrontare i nodi della vita e le difficoltà imposte dalla disabilità dando forma a passioni che sembravano perdute. Il desiderio e l’importanza di “raccontarsi in altro modo” ha portato alla scelta del teatro come strumento creativo-simbolico, per dare vita a un’esperienza comunicativa e rielaborativa che va “oltre le parole”.
Il Principe Felice è stato realizzato grazie al contributo della Compagnia di San Paolo e presentato nel corso dell’evento “Fili di Passione” presso la Fondazione Sandretto Re Rebaudengo di Torino.

 

Sostieni le nostre attività con una donazione.

Grazie al tuo supporto possiamo continuare a prenderci cura di bambini e ragazzi con disabilità e delle loro famiglie.