Nel mondo delle mappe concettuali

Nel mondo delle mappe concettuali

Strumento compensativo per eccellenza, è davvero sempre così efficace? A chi serve davvero creare una mappa concettuale? Meglio cartacee o con software appositi? Proviamo a conoscere meglio questa strategia didattica per comprenderne le reali potenzialità.
Quando si parla di mappe concettuali abbiamo tutti un’idea in merito e magari ci tornano alla memoria schemi di diversi tipi su colorati libri scolastici, spesso con parole da inserire o linee da tracciare.

Leggi di più

Classe capovolta: perché no?

Classe capovolta: perché no?

In questi giorni si è sentito spesso parlare della Classe Capovolta, la metodologia didattica che utilizza abitualmente video e spiegazioni da svolgere a casa. La “Flipped Classroom” è nata inizialmente proprio per gli alunni che non potevano frequentare costantemente le lezioni, ad esempio per malattia, ma per la sua impostazione e le proposte inclusive e cooperative che vengono svolte in classe ha ricevuto negli anni un consenso sempre maggiore.

Leggi di più

Emozioni e apprendimento: cosa ci dicono le neuroscienze?

Emozioni e apprendimento: cosa ci dicono le neuroscienze?

È consuetudine parlare di emozioni e apprendimento come fattori strettamente connessi, così come sostenere che le emozioni vanno a “interferire” con il rendimento scolastico dei bambini. È sotto gli occhi di molti insegnanti che se un bambino è tranquillo e sereno affronta una verifica con meno agitazione, così come se un argomento è vicino alla realtà dei bambini è più facile che venga imparato senza difficoltà. Ma in che modo ciò è possibile?

Leggi di più

Didattica a distanza: fiducia ed emozioni

Didattica a distanza: fiducia ed emozioni

In questo periodo di intensa Didattica a Distanza, si scoprono dialoghi tra mamme e docenti basate su nomi variegati di piattaforme digitali, metodi di invio file, gestione di videochiamate. Il rischio (o desiderio?) di aggiungere un nuovo format o nuovi metodi di trasmissioni di informazioni è quotidiano, così come lo è lo smarrimento tra miriadi di modalità di gestione e invio di compiti agli insegnanti.

Leggi di più