Servizi

Accoglienza

Il Servizio Accoglienza è uno spazio di primo ascolto che offre orientamento e consulenza su problematiche legate alla disabilità.

Gli psicologi di Area onlus, grazie a uno o più colloqui di approfondimento, offrono alle persone e alle famiglie che accedono al servizio una risposta in tempi brevi, volta a orientarle verso il percorso più adeguato ai propri bisogni. Al termine dei colloqui in Accoglienza può esservi una presa in carico interna ad Area, piuttosto che un invio ai servizi, pubblici e  privati, del territorio.

Possono rivolgersi all’Accoglienza tutte le persone che hanno problematiche personali o familiari connesse alla disabilità  e professionisti che lavorano in questo settore (operatori sociosanitari, insegnanti, educatori, affidatari ecc.).

Per fissare un primo colloquio chiama lo 011 837642 oppure scrivi a accoglienza@areato.org


 

Filo Rosso

Il Servizio Filo Rosso si occupa di bambini e ragazzi (6 – 19 anni) con disabilità intellettiva lieve e medio-lieve e altri disturbi del neurosviluppo, e dei loro familiari, con l’obiettivo di promuoverne l’integrazione sociale.
Gli interventi del Servizio, infatti, sono finalizzati al sostegno della resilienza dei soggetti e delle risorse presenti nel nucleo familiare, e alla promozione dell’espressione di Sé e delle autonomie possibili.

Concretamente, Filo Rosso realizza attività di socializzazione nel tempo libero, laboratori ludico-espressivi e di mantenimento cognitivo, e interventi abilitativi che favoriscono la formazione di gruppi amicali e la possibilità di sperimentare relazioni più ricche, esperienze autentiche e modalità comunicative più efficaci. 

Le attività e i laboratori, modulati a seconda della fascia di età e delle caratteristiche individuali, prevedono la presa in carico dell’intero nucleo familiare, con spazi di ascolto e un accompagnamento psicologico (individuale o in gruppo) rivolto sia ai partecipanti alle attività, sia a genitori e siblings.

Operatori e curanti possono richiedere consulenze e percorsi formativi.

Mediateca

Mediateca si rivolge a bambini e ragazzi disabili e con Bisogni Educativi Speciali (Disturbi Specifici di Apprendimento, svantaggio psicosociale, diversa appartenenza culturale, ecc.) in età scolare.

Gli interventi di Mediateca prevedono l’attuazione di percorsi personalizzati di individuazione e utilizzo delle tecnologie informatiche a supporto della comunicazione e dell’apprendimento. È prevista la presa in carico dell’intero nucleo familiare e una stretta collaborazione con scuole e servizi territoriali. Mediateca propone anche un Doposcuola multimediale per studenti con difficoltà di apprendimento (BES), il cui obiettivo è l’acquisizione di un metodo di studio supportato dall’utilizzo degli strumenti tecnologici. Dal 2007 è riconosciuta dalla Provincia di Torino come Ausilioteca per sperimentare l’utilizzo di ausili informatici e cura un database online di recensioni, schede tecniche e video-tutorial su oltre 3000 software, ausili e app pensati per la disabilità.

Per i genitori, gli insegnanti e gli operatori sociosanitari il Servizio offre attività di consulenza e formazione sui temi della disabilità e dell’inclusione e su specifici strumenti tecnologici.

Presso alcuni istituti scolastici del territorio Mediateca organizza e gestisce sportelli informativo-consulenziali e laboratori multimediali.


Servizio Psicosociale

Negli ultimi anni è cresciuta nelle famiglie la consapevolezza di un bisogno nuovo. Accanto a quelli più tradizionali di socializzazione e riabilitazione della persona con handicap, è emersa l’urgenza di supporto psicologico rispetto all’incapacità di affrontare le difficoltà quotidiane e le criticità legate alla disabilità.

Il Servizio Psicosociale (SPS) è nato per rispondere a queste esigenze di tipo più prettamente terapeutico e clinico.

Gli psicologi e psicoterapeuti di SPS, di orientamento sistemico relazionale e psicodinamico, offrono su richiesta percorsi di psicoterapia breve e di sostegno psicologico, individuale e di gruppo, per bambini, adolescenti o adulti con disabilità, e per genitori e familiari di persone disabili. Il Servizio offre anche spazi di ascolto specifici per siblings.

Per gli operatori che lavorano con la disabilità, SPS può attivare percorsi di supervisione individuale o di gruppo.

Il Servizio Psicosociale offre, inoltre, attività di formazione per enti pubblici e privati volti al miglioramento dei processi organizzativi, con particolare attenzione ai temi del lavoro di gruppo, della comunicazione e della cultura organizzativa in relazione alla disabilità.

 

Di.To.

Di.To. si rivolge alle famiglie di bambini con disabilità in età 0-14 anni, agli insegnanti e alla rete dei curanti offrendo un orientamento rapido, agevole e aggiornato tra le risorse cittadine e le normative nazionali.

Attraverso l’omonimo portale web, semplice da navigare, facile da leggere e da cliccare, Di.To. risponde alle domande più frequenti che riguardano i bisogni delle famiglie con bambini disabili in materia di normative, agevolazioni, certificazioni, scuola, trasporti e tempo libero. Interviste, eventi e news lo rendono un prezioso alleato per chi desidera essere costantemente aggiornato sulle novità sulla disabilità. Il portale inoltre offre strumenti innovativi per l’inclusione e l’autonomia dei bambini: un database di libri accessibili e uno dedicato agli ausili tecnologici pensati per la disabilità.

A fianco delle attività online, Di.To. propone laboratori creativi e letture animate sulle tematiche dell’inclusione per le scuole e per le famiglie, workshop e moduli formativi sull’editoria accessibile e interventi a convegni, seminari e conferenze.

Risorsa importante del Servizio è Vietato Non Sfogliare, la mostra itinerante di libri accessibili e dedicati al tema della disabilità, che viaggia sul territorio nazionale in occasione di eventi culturali e festival sull’editoria. Da anni è ospite fissa del Salone Internazionale del libro di Torino.

Sostieni le nostre attività con una donazione.

Grazie al tuo supporto possiamo continuare a prenderci cura di bambini e ragazzi con disabilità e delle loro famiglie.